Coloranti alimentari: perchè dico io, PERCHE’???

Coloranti alimentari: perchè dico io, PERCHE’???

Purtroppo mangiamo “prima con gli occhi che con la bocca”.Proviamo a capire insieme qualcosa su questo argomento.

COSA SONO I COLORANTI ALIMENTARI

I coloranti alimentari sono degli additivi in quanto sono composti chimici che vanno a modificare il colore di un alimento. Spesso gli alimenti, a causa dei vari processi di lavorazione, esposizione alla luce, calore, imballaggio etc, cambiano la loro colorazione originaria. I coloranti vengono usati quindi per ravvivare il colore di un cibo o per esaltarlo o per renderlo appariscente. Infatti basti pensare al colore AzzurroPuffo o al rosso del Campari o al rosa, più o meno intenso, del salmone! A livello psicologico, il colore di un alimento, ci comunica una serie di sensazioni:maturo, saporito, dolce, amaro, acido…
I coloranti vengono scritti nell’elenco degli ingredienti e sono indicati da una sigla composta dalla lettera E seguita da un numero compreso tra 100 e 199.
Vediamo nello specifico la lista dei coloranti alimentari da evitare

E102 – TARTRAZINA
Colorante di colore giallo. Lo troviamo nelle bevande gassate, nelle caramelle alla frutta, nei budini, nelle minestre confezionate, nei gelati, nei chewing gum, nel marzapane, nelle marmellate, nelle gelatine, nella mostarda, nello yogurt e in molti altri alimenti. Si trova persino negli involucri delle capsule dei medicinali e nel cibo di cani e gatti
Può causare: iperattività, asma, orticaria, rinite, disturbi alla vista emicrania, edemi e insonnia; potrebbe inoltre essere cancerogena con effetti mutageni. Si ritiene che possa dare problemi agli asmatici o ai soggetti allergici all’acido acetilsalicilico (aspirina). Seppure ne sia vietato l’utilizzo in Norvegia, Austria e Finlandia, nel nostro paese è ancora consentito. Dal 20 luglio 2010 gli alimenti che ne contengono anche minime quantità devono riportare in etichetta “può influire negativamente sull’attività e l’attenzione dei bambini” poichè assieme all’acido benzoico, è ritenuto
concausa dell’iperattività infantile.

E104 – GIALLO DI CHINOLINA
Colorante di colore giallo-verde. Lo troviamo in caramelle, bibite effervescenti, liquori, budini in polvere, gelato, uova, succhi di frutta, pesce affumicato, farmaci.
Rischi: iperattività, dermatiti, asma, riniti, eczema, disturbi alla vista, insonnia.Vietato in USA, Giappone, Norvegia, Australia. È uno dei coloranti di cui si chiede la totale eliminazione dalla dieta dei bambini.

E107 GIALLO
Colorante di colore giallo che troviamo nelle bibite e principalmente maionese. Può provocare allergie, iperacidità ed asma. L’uso è limitato ed il colore potrebbe essere in futuro vietato.

E110 – GIALLO ARANCIO S – GIALLO TRAMONTO FCF
Colorante di colore giallo arancio. Lo troviamo nelle zuppe pronte, marmellate, biscotti con gelatina di arancia, bevande istantanee a base di cioccolato, creme di formaggio, creme di yogurt, marzapane, budino in polvere, gelati. Può provocare iperattività, asma, orticaria, eruzioni cutanee, mal di stomaco, insonnia, vomito.
Può provocare reazioni allergiche; in particolare, è sconsigliato agli asmatici e aisoggetti allergici all’aspirina. Sconsigliato ai bambini. Tossico in alte dosi. VIETATO in alcuni paesi.

E120 – COCCINIGLIA
Colorante che copre diverse sfumature di rosso. E’ estratto dall’insetto Cocciniglia.
Lo troviamo nelle caramelle rosse, viola o rosa, yogurt, gelatine, gelati, bibite,liquori, nel Bitter Campari, salumi, in prodotti farmaceutici. Sconsigliato ai bambini in genere, soprattutto asmatici e allergici. Ammesso in Europa

E122 – AZORUBINA
Colorante di colore rosso – blu. Lo troviamo nei gelati, bevande, marzapane, gelatine, budini, salse scure, zuppe istantanee. Può provocare iperattività, reazioni allergiche, riniti, asma, insonnia ed edema; c’è il rischio che possa essere cancerogeno e per questo è sconsigliato. E’ proibito in Austria, Norvegia e in Svezia.

E123 AMARANTO
Colorante di colore rosso amaranto. Si trova principalmente nel caviale e può scatenare reazioni allergiche. Vietato negli USA dal 1976

E124 ROSSO COCCINIGLIA                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       Colorante di colore rosso. Si trova nei dolci, bibite e caramelle; può provocare eruzioni cutanee. Sconsigliato ai bambini; può provocare allergie ed eruzioni cutanee. Vietato in alcuni paesi

E127 ERITROSINA
Colorante di colore rosso ciliegia. Si trova nelle caramelle, gelati, dolci, frutta sciroppata. Contiene iodio, quindi è in grado di provocare disturbi alla tiroide (ipertiroidismo). Vietato negli USA.

E129 – ROSSO ALLURA
Colorante di colore rosso. Si trova nelle bevande, bitter soda, dolci, barrette energetiche, caramelle, carne. Potrebbe causare iperattività nei bambini, allergie cutanee, tumori. È stato proibito in diversi Stati.

E131 – BLEAU PATENT
Colorante di colore blu. Si trova in caramelle, sciroppi, liquori, bevande, gelati. Può causare reazioni allergiche, orticaria, prurito, nausea ed insonnia. Vietato in Australia.

E132INDIGOTINA
Colorante di colore blu. Si trova in caramelle, gelati, sciroppi, frutta candita, biscottie dolciumi. Può causare reazioni allergiche, nausea, vomito, orticaria, ipertensione e   problemi respiratori. Sconsigliato ai bambini. Dove si trova: gelati, ghiaccioli, paste, frutta candita, biscotti e dolciumi. Leggermente tossico

E133BLU BRILLANTE
Colorante di colore blu. Se combinato con la tartrazina (E102) si ottengono le diversetonalità di verde.
Si trova spesso in gelati, piselli in scatola, prodotti caseari, caramelle, sciroppi, dolci   e bibite.
Secondo alcuni studi, potrebbe essere dannoso per i bambini; durante l’infanzia è   quindi sconsigliata la somministrazione di alimenti contenenti tale colorante.    Può causare iperattività, nausea, orticaria, insonnia, problemi respiratori. Vietato in   Francia e Finlandia.

E150 CARAMELLO
Colorante di colore da marrone a bruno. Si trova in bibite tipo coca cola, bevande   alcoliche, gelati, ghiaccioli, liquori, zuppe, birra, pasticceria in genere, biscotti, frutti   di mare, soia, frutta e verdura in scatola, conserve. Sconsigliati ai bambini. È   consigliabile consumarlo entro la dose massima consigliata

E151- NERO BRILLANTE
Colorante di colore nero. Si trova nel caviale, liquirizia, caramelle, gelati, salse, dolciumi. Può provocare reazioni allergiche, eruzioni cutanee e iperattività nei   bambini.

E153 CARBONE VEGETALE
Colorante di colore nero. Vietato negli USA

E154 BRUNO
Colorante di colore bruno. Si può trovare in alcuni prodotti ittici. Può causare  iperattività, asma, riniti, orticaria e insonnia. E’ vietato in alcuni Paesi   Extracomunitari perché c’è il rischio che possa essere cancerogeno.

E160b ANNATTO, BISSINA, NORBISSINA
Colorante di colore arancione. Si trova nel burro, margarine, gelati e nel mangime per animali (es. per i polli). Potrebbe dare reazioni allergiche. Sconsigliato in particolare a i bambini.

E171 BIOSSIDO DI TITANIO o DIOSSIDO DI TITANIO
Colorante di colore bianco. Si trova in confetti, chewing-gum, dolciumi, snack colorati tipo M&MS, donuts.
Può aumentare aumentare la risposta infiammatoria intestinale in soggetti colpiti da morbo di Crohn.

E180 PIGMENTO ROSSO RUBINO
Colorante di colore rosso rubino. Si trova nella parte esterna dei formaggi. Potrebbe causare asma, insonnia, reazioni cutanee.

Quantità di coloranti alimentari ingeriti


Più bassa è la dose giornaliera accettabile, Dga, e più alto è il rischio che essa venga   superata soprattutto da parte dei bambini. Dobbiamo tener presente che la tossicità   aumenta in presenza di altri coloranti ed additivi e in persone con problemi di salute.
C’è inoltre confusione perché alcuni coloranti che da noi in Italia sono ammessi, in    altri Paesi sono vietati!
Quindi suggerisco di imparare a leggere gli alimenti e lasciare sugli scaffali tutti questi cibi truccati!

search_field search_submit icon-search"