Fibromialgia

✓ La fibromialgia è caratterizzata da dolore muscoloscheletrico cronico e diffuso, spesso associata ad astenia, disturbi del sonno, problemi cognitivi (es. di attenzione, di memoria), problemi psichici (es. ansia, depressione), e ad un ampio insieme di sintomi somatici e neurovegetativi.

✓ Può avere un rilevante impatto sulla qualità di vita dei pazienti

✓ L’approccio terapeutico maggiormente appropriato è multidisciplinare, basato su un programma individualizzato di cura che include diverse tipologie di interventi.

✓ Il Medico di Medicina Generale formula la diagnosi e, sulla base di specifici criteri, imposta il trattamento non farmacologico e/o farmacologico.

✓ La diagnosi si basa su sintomi caratteristici, specifici criteri e sull’esclusione di altre ipotesi diagnostiche.

✓ Gli esami di laboratorio raccomandati dalla letteratura internazionale per una iniziale valutazione sono emocromo con formula e Proteina C reattiva-PCR (la fibromialgia non è una condizione infiammatoria).

✓ Non sono raccomandati indagini strumentali.

✓ Per la formulazione di una diagnosi di fibromialgia devono essere soddisfatti contemporaneamente 3 criteri:
1. dolore diffuso in specifiche aree e regioni del corpo;
2. presenza di sintomi caratteristici (astenia, sonno non ristoratore, problemi cognitivi, emicrania, dolore / crampi addominali, depressione) che compromettono la vita quotidiana;
3. durata della sintomatologia pari ad almeno 3 mesi.

 

Purtroppo per una persona affetta da fibromialgia trascorrono in media più di 2 anni prima della diagnosi, dopo almeno 3 differenti visite specialistiche e diversi esami.

Estratto e riassunto dalle linee guida redatte a febbraio 2018 dalla Direzione Generale Cura della Persona, Salute e Welfare della regione Emilia Romagna che sono state spedite ai direttori Sanitari e Responsabili delle strutture Reumatologiche ed ai Responsabili dei Dipartimenti di Cure Primarie
ISCRIVITI AL GRUPPO PRIVATO

FIBROMIALGIA: AFFRONTIAMOLA INSIEME

E' da tempo che mi occupo di Fibromialgia e per la mia esperienza uscire dalla solitudine che porta con sè è un buon inizio per affrontarla. Ho pensato allora di creare uno spazio in cui confrontarci, insieme, condividere esperienze e trovare una via per convivere al meglio con essa.